Regione Toscana. Posticipata l’apertura del bando al fondo di garanzia per il turismo, commercio, cultura e terziario

IL PORTALE SU PRESTAZIONI E SERVIZI DI ENTI E FONDI BILATERALI

Regione Toscana. Posticipata l’apertura del bando al fondo di garanzia per il turismo, commercio, cultura e terziario

Slitta al 2 febbraio la data per la presentazione delle domande di garanzia fino all’80% su finanziamenti concessi alle micro, piccole e medie imprese per investimenti legati allo sviluppo aziendale o per l’acquisizione di attivi di uno stabilimento, purché connessi all’attuazione di un piano di crescita dell’attività d’impresa.

La Regione Toscana ha rinviato la data di apertura dei termini per la presentazione delle domande al fine di avere il tempo necessario per procedere ai preventivi e necessari adempimenti relativi alla sottoscrizione dell’Accordo di finanziamento con il soggetto gestore – l’ATI “Toscana Muove” – nonché all’invio del regolamento del Fondo a tutte le banche toscane che hanno sottoscritto con l’amministrazione regionale il protocollo d’intesa.

Garanzie fino all’80% su finanziamenti concessi alle micro, piccole e medie imprese per investimenti legati allo sviluppo aziendale o per l’acquisizione di attivi di uno stabilimento, purché connessi all’attuazione di un piano di crescita dell’attività d’impresa.

Sono ammissibili al finanziamento i programmi di investimento da realizzare in Toscana per svilupppo aziendale, nuovo stabilimento, ampliamento di uno stabilimento esistente, diversificazione della produzione, trasformazione radicale del processo produttivo, acquisizione di attivi di uno stabilimento.
Le garanzie saranno concesse per operazione di finanziamento, leasing e emissioni di obbligazioni (mini bond). I finanziamenti sono ammissibili per durate fino a 10 anni. Procedura a sportello.

Possono presentare domanda le Micro, Piccole e Medie Imprese (PMI), anche di nuova costituzione, regolarmente iscritte al registro delle imprese, esercitanti un’attività economica identificata come prevalente nell’unità locale che realizza il programma di investimento, rientrante nelle seguenti sezioni della Classificazione delle attività economiche ATECO ISTAT 2007

G – Commercio all’ingrosso e al dettaglio

H – Trasporto e magazzinaggio

I – Attività di alloggio e ristorazione

J – Servizi di informazione e comunicazione

M – Attività professionali, scientifiche e tecniche

N – Noleggio, agenzie di viaggio, servizi di supporto alle imprese

P- Istruzione

R- Attività artistiche, sportive, di intrattenimento e divertimento

S – Altre attività di servizi, limitatamente alla classe 96.04.20.

Gli investimenti devono essere integralmente effettuati e pagati dalle imprese beneficiarie entro 24 mesi dalla data di erogazione del finanziamento garantito, e comunque entro e non oltre il 31.03.2017.