Rinnovato il CCNL Terziario Confcommercio: novità anche sulla bilateralità

IL PORTALE SU PRESTAZIONI E SERVIZI DI ENTI E FONDI BILATERALI

Rinnovato il CCNL Terziario Confcommercio: novità anche sulla bilateralità

Il rinnovo del Contratto di lavoro CCNL Terziario (Confcommercio), siglato lo scorso 30 marzo 2015, introduce alcune novità anche in materia di bilateralità, per sanità integrativa. Di seguito tutte le modifiche.

  1. Applicazione delle regole sulla Governance degli enti bilaterali (accordo 19 marzo 2014) Trasparenza, efficienza,  omogeneizzazioni delle prestazioni,  adozione degli statuti tipo e regolamenti da parte degli enti territoriali entro il 31 dicembre 2015.
  1. Rafforzato il ruolo di EBINTER nel monitorare l’applicazione delle regole sulla Governance e sulla promozione della bilateralità nel territorio. L’ente nazionale inoltre diventa sempre più l’osservatorio di settore sui fattori economici, del mercato del lavoro, dell’applicazione contrattuale e della regolarità contributiva, della sicurezza nei luoghi di lavoro.
  1. Obbligo contributivo dello 0,10 su paga base e contingenza da parte dell’azienda all’ente territoriale. L’azienda che omette il contributo è tenuta a corrispondere al lavoratore un elemento distinto della retribuzione non assorbibile di pari importo.
  1. Fondo EST: eliminata la possibilità di erogare, da parte delle imprese, prestazioni sanitarie equivalenti a quelle del Fondo Est. Rimane soltanto l’iscrizione al fondo o in alternativa la corresponsione ai lavoratori di 16 euro (prima erano 15)  lordi in busta paga per 14 mensilità rientrando nella retribuzione di fatto di cui all’art. 195.
  1. Fondo QUAS: eliminata la possibilità di erogare, da parte delle imprese, prestazioni sanitarie equivalenti a quelle del Fondo QUAS. Rimane soltanto l’iscrizione al fondo o in alternativa la corresponsione di 37 euro( prima erano 35)  lordi in busta paga ai lavoratori  per 14 mensilità rientrando nella retribuzione di fatto di cui all’art. 195.

Tra le novità si segnala anche un aumento retributivo a regime pari ad euro 85,00 lordi per il IV livello (con relativa riparametrazione sugli altri livelli contrattuali), che sarà corrisposto in 5 tranches:

  • - euro 15,00 a partire dal 1° aprile 2015;
  • - euro 15,00 a partire dal 1° novembre 2015;
  • - euro 15,00 a partire dal 1° giugno 2016;
  • - euro 16,00 a partire dal 1° novembre 2016;
  • - euro 24,00 a partire dal 1° agosto 2017.

Il contratto rinnovato decorre dal 1° aprile 2015 e avrà validità fino a tutto il 31 dicembre 2017.